Quando si è sempre in giro e non si ha a disposizione una palestra attrezzata, capita spesso di rimandare l’allenamento. “Come fai a non perdere un giorno, a trovare sempre il tempo e il modo?” è proprio questa una delle domande più frequenti che mi viene posta, alla quale rispondo semplicemente con un “l’organizzazione è tutto!”. Sì, perché oggi ci sono attrezzi di poco ingombro e dal prezzo contenuto, versatili, leggeri e facili da trasportare, in grado di sostituire un’intera palestra: li riponi in valigia o nello zaino insieme con un paio di leggings, una canotta e le tue scarpe da ginnastica ed il workout è servito. Ovunque, a qualsiasi ora, in ufficio durante la pausa pranzo, a casa, al parco o in hotel: della serie #noexcuses. Non servono grandi spazi e nemmeno troppo tempo (bastano 20 minuti belli intensi), ma solo forza di volontà e determinazione.

Quando rientri dalle vacanze, può succedere che l’umore non sia proprio a mille perché, che si tratti della scuola o del lavoro, tocca rimboccarsi le maniche e gettarsi di nuovo nella routine quotidiana fatta di doveri, orari da rispettare, scadenze ecc. C’è anche il lato positivo, ovvio, ma non proprio tutti riescono a trovarlo e allora te lo “servo” qui sotto, come faccio di solito con le mie ricette!

È da un po’ di tempo che volevo parlartene, ma poi - se mi segui sui Social lo sai – sono partita per Los Angeles dove sono rimasta per un mese intero (condividere la vita con uno Chef, devo ammetterlo, ha i suoi lati positivi). Sono stata così presa, prima per capire come muovermi nella megalopoli americana senza mettere a rischio la mia vita e quella degli altri (prova a girare in macchina per le strade di L.A.), poi a vivere ogni giornata a tutta tra allenamento, prove menù, spiaggia, lunghe passeggiate per scoprire la città, shopping ecc. che non ho fatto altro che scattare foto, nessun post per il blog e ora devo aggiornarti riguardo a un sacco di cose.

Lavoro, eventi, viaggi, impegni di ogni genere e sorta riempiono le mie giornate a dismisura, tanto che per fare tutto avrei bisogno di almeno 36 ore (ma anche 48). A volte mi sembra di essere una trottola che gira senza sosta, impazzita, e quando mi fermo crollo. Tipo che 5 minuti dopo essermi infilata nel letto oppure sdraiata sul divano per godermi un film mi spengo. Caput, stop, addio. Immobile come un sasso fino al mattino seguente.

Oggi parliamo di nuovo di un argomento scottante, che torna sulla bocca di tutte anche quest’anno, in vista della bella stagione: la cellulite. D’inverno spesso ce ne si dimentica perché cappotti e maglioni coprono tutto, ma d’estate eccola rispuntare (che poi in realtà non si è mai mossa, sigh, ma quando siamo imbacuccate è più facile non darle peso).

Sono ormai alcuni mesi che mi sto dedicando quasi totalmente all’allenamento con i pesi. Qualche corsetta ogni tanto (non più di 5 km), qualche vasca in piscina per sciogliere le gambe e poi yoga una volta a settimana con la mitica Eva Messa per migliorare elasticità ed equilibrio, ma le mie energie, quelle vere, sono tutte per la ghisa. Io che una volta non mi ci avvicinavo nemmeno per scherzo, perché desideravo restare esile come un giunco, portavo una 38 e vivevo di frutta e verdura. Poi si cresce, si matura e le priorità cambiano, così come l’idea di benessere e bellezza. Fatto sta che la sala pesi è diventata la mia zona preferita della palestra (my happy place!), panche e bilancieri i miei compagni di gioco e non c’è momento più bello di quando riesco a caricare qualche kg in più, a superare me stessa e tagliare un nuovo traguardo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Per proseguire con la navigazione del sito, è necessario acconsentire all'utilizzo dei cookie selezionando il pulsante "Accetta".