Ho sempre amato la frutta e la verdura, fin da piccola. Ma per davvero, eh! Per farti capire: i miei mi ricordano spesso che a quattro anni facevo colazione con i pomodori #perdire.

Il Giappone è la mia meta dei sogni. Sono anni che pianifico di andarci a primavera, in occasione della fioritura dei ciliegi, ma accade sempre qualcosa... Un lavoro importante che non puoi dire di no, una catastrofe sentimentale, un virus mondiale che obbliga tutti in quarantena! Sarà un segno secondo te?

La cucina è passione. È scoperta, stupore, meraviglia. La cucina è sperimentazione, ricerca e studio. È un mondo meraviglioso, un viaggio tra profumi e sapori in grado di ammaliare, conquistare, fare innamorare.

La prima volta che l’ho preparata mi sono gasata un sacco. L’idea di poter ottenere in modo tanto semplice un alimento così versatile come la ricotta, per di più quella veg, con soli due ingredienti che tra l’altro in casa mia non mancano mai, è stata la svolta.

Mercoledì. Buone notizie in arrivo. Il sole e una temperatura davvero gradevole. Mentre scrivo questo post sono sul terrazzo, a godermi un po' di tepore e a fare il pieno di vitamina D. Mi piace lavorare all’aperto, ma prima di questa quarantena non l’avevo mai fatto.

Cucinare mi riconcilia con me stessa. Ieri è stata una giornata complicata, di emozioni forti, di strette allo stomaco. Eccitazione mista a un po’ di timore per quello che succederà nei prossimi mesi. Pian piano riconquistiamo qualche metro verso un’apparente normalità. Ma ancora per molto ci toccherà rispettare il distanziamento sociale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Per proseguire con la navigazione del sito, è necessario acconsentire all'utilizzo dei cookie selezionando il pulsante "Accetta".