Tra le verdure di stagione che la Natura ci regala in questo periodo dell'anno primeggiano i cavoli: cavolfiore, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, cavolo nero ecc. Fanno tutti parte della famiglia delle crucifere, e la Scienza ci dice che sono un elisir di lunga vita: questi ortaggi hanno infatti un ruolo importante nel combattere l'infiammazione, oltre ad essere ricchi di ferro, calcio e fibre.

Quest'anno per me l'estate è stata lunga e bellissima: piena di gite, viaggi, sport, colori, sapori ed incontri. Un'estate che, come dice una nota canzone, avrei voluto che "potesse non finire mai". Ma ovviamente si è conclusa, e dopotutto non è poi così male, perchè i prossimi mesi si prospettano ricchi di nuove avventure, impegni, sfide e progetti, che sono pronta ad intraprendere con il solito entusiasmo :)

Il piatto di oggi nasce per gioco: la mitica Cuocherellona (alias Erica Di Paolo), foodblogger di quelle che più #fitfood non si può, mi ha invitato a partecipare al suo primo contest dal titolo Un mondo di benEssere. Ci ho riflettuto un po', ho messo insieme gli ingredienti che per me rappresentano il massimo in termini di gusto e salute, mi sono rinchiusa in cucina et voilà: questo è quanto ho preparato :)

Tra le verdure #top per chi segue un’alimentazione sana e bilanciata, ci sono senza dubbio le zucchine. Oltre ad avere pochissime calorie, questi ortaggi - che si prestano per mille preparazioni differenti - possiedono infatti un buon potere diuretico, lassativo e antinfiammatorio. L’elevato contenuto in potassio le rende inoltre un alimento "antifatica", consigliato per tutti quelli che – come me – si dilettano a praticare gli sport più disparati.

Sarà perché me la preparava sempre la mia nonna quando ero piccolina, sarà perché è un dolce semplice e genuino, ma la torta di mele non mi stanca mai. Certo, ora che ho imparato a conoscere il valore nutrizionale e le proprietà dei vari ingredienti, ho apportato alcune modifiche rispetto alla ricetta tradizione che prevede l’utilizzo del burro e della farina bianca, ahimè.  Non aggiungo altro, se non… provatela!

Non sono mai stata una "pastasciuttara": a spaghetti, penne, paccheri ecc. preferisco un bella porzione di pesce alla griglia, oppure un super filetto cottura "medium". Una fortuna, questa, se decidi di seguire la dieta Zona: sì, perchè quando scegli di adottare questa strategia alimentare il primo piatto diventa un contorno, una piccola porzione, pari al tuo pugno per intenderci, condita in modo sano.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Per proseguire con la navigazione del sito, è necessario acconsentire all'utilizzo dei cookie selezionando il pulsante "Accetta".