Camminare mi è sempre piaciuto: fin da piccola mio papà mi portava in montagna d’estate, per godere della maestosità della natura, fatta di cime elevate, prati verdissimi, ruscelli d’acqua gelida e cristallina, e poi scoiattoli, mucche e qualche cerbiatto ogni tanto. Ho ricordi felici legati ai miei primi scarponcini, allo zainetto con la merenda al sacco, ai mazzolini di fiori raccolti insieme con mia mamma ed ai giochi all’aria aperta, in alta quota.

Quando le giornate iniziano ad allungarsi, le nuvole e la nebbia lasciano spazio ad un tiepido sole e la temperatura sale, la mia voglia di mare + spiaggia + sport all’aperto esplode. E non c’è prova costume che tenga: anche se il fisico non è perfettamente scolpito, il desiderio di scoprirmi, indossare costume, infradito e pantaloncini vince su tutto. Per una come me poi, che ha lavorato per anni in una piscina, e che considera l’acqua il proprio elemento, quella infinita distesa dipinta di blu non può che far rima con relax, che non vuol dire il dolce far nulla, ma che corrisponde - anche nella fatica - alla felicità.

“Non importa se ti stai allenando per i tuoi primi 10K o se sei stato un atleta di classe mondiale. Noi crediamo nel potere della musica per aiutare gli atleti ad esprimere il loro potenziale e raggiungere i propri obiettivi”: mentre guardo con attenzione il video di presentazione della linea di auricolari Sport Performance di Skullcandy, che viene proiettato sulla parete dello Studio CrossFit Navigli, annuisco e sorrido compiaciuta.

E’ proprio vero: niente come la musica, sparata ad alto volume nelle orecchie, riesce a caricarmi quando faccio attività fisica. Se il sound è quello giusto, andare oltre la fatica, superare il muro, oltrepassare il limite: si-può-fare! La musica è energia, endorfine, emozione, proprio come lo sport, qualunque esso sia.

Così per testare sul campo i nuovi auricolari wireless XTfree Skullcandy (la versione “senza fili” degli XTplyo) sono stata invitata insieme con altri blogger e giornalisti come me, a partecipare ad una sessione di CrossFit con Sara Ventura, atleta e trainer internazionale, titolare dello Studio CrossFit Navigli.

Dopo i selfie di rito con vecchi e nuovi amici, condivisi prontamente sui Social con l’hashtag #musicmakesyoubetter (digitalo su Facebook, Instagram e Twitter per scoprire cosa abbiamo combinato!), indosso gli auricolari (solo 16 g di peso) che, grazie ad una serie di tecnologie brevettate combinate tra loro, tra cui la FitFin - che propone una forma verticale unica, che si adegua in modo ottimale alle curve dell’orecchio – rimangono perfettamente bloccati, a prova di salti, movimenti esplosivi e rapidi (che durante la sessione di CrossFit andremo ovviamente ad eseguire).

S4

La lezione ha inizio con una breve fase di stretching e riscaldamento, volta a sciogliere le articolazioni e a preparare i muscoli al lavoro successivo. La voce di Sara, che ci arriva chiara nelle cuffiette, ci guida nei movimenti, il suo sguardo è vigile ed attento, lei pronta a correggere le posture e a dispensare consigli affinché gli esercizi vengano eseguiti perfettamente.

Segue un AMRAP (leggi: As Many Reps/Round as Possible) di 8 minuti: una combinazione di 8 squat, 8 push press e 8 sit up, eseguiti con una palla da 4 kg e seguiti da 2 burpees, da ripetere il maggior numero di volte possibile. Se 8 minuti ti possono sembrare pochi, ti invito a provare prima di esprimerti. Con la musica giusta nelle orecchie il ritmo è frenetico, l’energia sale ed il mio spirito di competizione si fa sentire. Così arrivo alla fine senza mai cedere: stanca ma soddisfatta.

“Il CrossFit è un programma di allenamento che ha come obbiettivo principale quello di ottimizzare la capacità di lavoro dell’individuo e della sua performance - spiega la nostra trainer - Attraverso l’esecuzione di movimenti funzionali (movimenti multiarticolari, quindi correlati a quelli eseguiti nella normale vita quotidiana), praticati ad alta intensità (sempre in relazione alle capacità o tolleranza del singolo individuo) e costantemente variati, quello che si ottiene, oltre ad una elevata risposta neurologica e ormonale, è un crescente miglioramento delle competenze nelle 10 capacità fisiche generali del corpo umano”. Sara mi colpisce per la sua semplicità, umiltà, professionalità e – inutile a dirsi – per i suoi muscoli guizzanti e ben delineati.

L’allenamento è stato breve ma intenso, gli auricolari sono top, e l’abbigliamento messo a disposizione da New Balance performante e confortevole: voto 10 a tutto il dream team. A quando il prossimo allenamento ragazzi?

Tutte le immagini della sessione di allenamento

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Per proseguire con la navigazione del sito, è necessario acconsentire all'utilizzo dei cookie selezionando il pulsante "Accetta".